:. home page :. News :. Rassegna Stampa :. PROTESTI CAMBIARI: modificata la legge

5 Settembre 2000

PROTESTI CAMBIARI: modificata la legge

Chi non ha onorato cambiali e vaglia cambiari non sarà macchiato a vita: se entro 12 mesi dal protesto il debitore esegue il pagamento (compreso interessi e spese) sarà cancellato dal registro dei protesti e riacquista credibilità per quanto riguarda la solvibilità. Potrà quindi accedere al credito: nell’archivio informatico non resterà alcuna traccia del protesto.

Più tempo, pertanto, per pagare e cancellare il protesto: dai 60 giorni previsti dalla legge del 1995 ai 12 mesi disposti dalla legge 18 agosto 2000, n. 235 (pubblicata in G.U. n. 200 del 28.8.2000), relativa appunto ai protesti cambiari.

Le nuove disposizioni entrano in vigore 120 giorni dopo la pubblicazione, quindi il 26 dicembre 2000.

c’è tempo un anno (contro i precedenti 60 giorni) per ottenere la cancellazione dal bollettino dei protesti cambiari. L’interessato dovrà compilare l′apposita istanza rivolta al Presidente della competente Camera di Commercio. Il debitore dovrà, inoltre, corrispondere al creditore oltre all’importo facciale della cambiale anche gli interessi maturati, le spese di protesto e quelle dell’eventuale precetto.

L’interessato deve allegare all’atto il titolo quietanzato o, in alternativa, la dichiarazione del rifiuto del pagamento oltre la quietanza dei diritti di cancellazione.

Nel caso di errori nella levata del protesto, la cancellazione erronea o illegittima può essere chiesta oltre che dal debitore anche dal notaio o altro pubblico ufficiale e dalla banca che ha negoziato il titolo.

Il provvedimento, che, come detto, modifica alcune parti della legge 77/95, si propone di contrastare il fenomeno dell’usura, consentendo a che si è “macchiato” di non dovere ricorrere a “usurai” per lo svolgimento della propria attività economica o per la gestione familiare.

Per la cancellazione, infine, sono previsti tempi rapidi e costi ridotti.

Accedi a In-Bank

login a In-Bank

newsletter

Iscriviti GRATIS alla newsletter Banca Monte Pruno e resta aggiornato su tutte le novità!

INFORMATIVA SINTETICA
ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (UE) 2016/679

I Suoi dati personali saranno trattati esclusivamente per l’invio, da parte del Titolare, di newsletter e comunicazioni commerciali al recapito da Lei fornito.

La base giuridica per l’invio di comunicazioni commerciali e della newsletter è il Suo consenso espresso, nel rispetto all’art. 6 paragrafo 1, lettera a) Regolamento (UE) 2016/679.

I Suoi dati personali saranno trattati fino a quando deciderà di revocare il Suo consenso od opporsi al trattamento.

Il Titolare La invita, inoltre, prima di conferire i Suoi dati personali, a visionare l’informativa completa sul trattamento dei Suoi dati personali, rilasciata nel rispetto dell’articolo 13 Regolamento (UE) 2016/679, accessibile al seguente link

PRESTO
il consenso
NEGO
il consenso
Link alla pagina:
http://www.bccmontepruno.it/rassegna-stampa.php?link=20000905175759it