:. home page :. News :. Rassegna Stampa :. Una Banca che cresce

26 Maggio 2003

Una Banca che cresce

Il Corriere a Sud di Salerno
estratto da “Il Corriere a Sud di Salerno

L’Assemblea dei Soci approva all’unanimità il bilancio 2002 e il Vallo di Diano le apre le porte
“Monte Pruno”, un volo in America e un anno da protagonista

Una Banca che cresce facendo crescere gli altri

ROSCIGNO. Parlano i numeri e la dicono tutta. Dicono dei risultati di un anno di attività, ma testimoniano anche la competenza, la professionalità, la lungimiranza e la prudenza della strategia che la Banca di Credito Cooperativo ha da tempo adottato e ribadita anche per il 2002. Quelli approvati all’unanimità dall’Assemblea dei Soci il 1 maggio scorso non sono, pertanto, solo numeri, ma anche e soprattutto il risultato di una grande organizzazione interna, una macchina straordinaria e quasi perfetta, capace di fare un passo ogni giorno e di dare un senso anche profondo ad ogni passo che fa.

Un’azienda che cresce facendo crescere

Un anno importante e decisivo il 2002, nel percorso di una Banca che ha deciso di crescere facendo crescere, che nel Vallo di Diano (dove sbarcata portando in dote la stessa umiltà della sua gente e la piena coscienza dei suoi bisogni e delle sue aspirazioni, ama dire il suo direttore generale Michele Albanese) ha trovato la sua “seconda giovinezza”, se non addirittura tornata a nascere. E qui, dove la “Monte Pruno” arrivata quasi 5 anni fa in cerca di linfa nuova e nuovi spazi, ha gettato le basi per il futuro suo e dell’intero territorio. Un futuro già scritto: che arriverà da solo perchè deve solo arrivare.

Nel segno dell’espansione territoriale

Un anno importante, quello appena trascorso, nel segno del perfezionamento strutturale e dell’espansione territoriale. L’organico della Banca si arricchisce della figura del vice direttore, Amabile Guzzo, elemento di provata professionalità ed esperienza, e la filiale di Sant’Arsenio si trasferisce in una struttura di grande autorevolezza e dignità. Sono questi i due dati pi significativi e proiettivi del processo di evoluzione dell’azienda avviato da Albanese e compagni. Ma non sono solo questi.

Un volo in America in un anno da protagonista

Sul piano della solidarietà, altra notevole prerogativa della struttura economica venuta dagli Alburni, la Bcc di Roscigno si distinta per l′iniziativa che a settembre scorso ha valicato l′oceano per approdare a New York dove, in collaborazione con il vescovo di Teggiano, monsignor Angelo Spinillo, stata installata un’opera d’arte a ricordo delle 4 vittime delle Torri Gemelle, originarie di Teggiano, Sacco e Padula.

New York a parte, il 2002 stato per la Banca, tra attività e interventi, un anno vissuto da gran protagonista.
In un’ottica di ampliamento e rafforzamento della rete di operatività sono stati installati 4 nuovi sportelli automatici Bancomat (ATM) nei comuni di Monte San Giacomo, Campora, Piaggine e Polla. A Sant’Arsenio, gli uffici della filiale sono stati trasferiti in una sede pi idenea e accogliente.

Tra le altre iniziative:
- ha contribuito all’acquisto di attrezzature didattiche per gli alunni dell’Istituto Alberghiero di Sant’Arsenio;
- ha stipulato una convenzione con la Confidi di Salerno per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese iscritte alla Camera di Commercio di Salerno;
- con le consorelle di Aquara e Laurino e la Camera di Commercio di Salerno, ha costituito la Società Consortile “Cilento Sviluppo” per la gestione dei fondi regionali destinati al turismo;
- sempre con Aquara e Laurino ha assunto il servizio di tesoreria della Comunità montana del Calore Salernitano e rinnovato quello della Comunità degli Alburni;
- ha organizzato un Tirocionio Formativo Aziendale per gli studenti del Magistrale di Piaggine;
- ha organizzato importanti convegni a sfondo economico-finanziario;
- ha aderito (con brillante esito) ad un progetto della Provincia di Salerno per la creazione di un’agenzia per l′Energia e l′Ambiente, “Ageas” a compartecipazione europea;
- ha istituito la figura di “Socio Onorario” della Banca, qualifica riconosciuta a cadenza annuale, a quanti con la loro opera contribuiscono ad accrescere l′immagine della Banca;
- ha infine sponsorizzato un lunghissimo elenco di iniziative socio-culturali e sportive e finanziato una serie di interventi di solidarietà.

I Soci Onorari 2003

A proposito di soci onorari, quest’anno il prestigioso riconoscimento della Banca di Roscigno toccato a Donato Pica, sindaco di Sant’Arsenio con la seguente motivazione: “A Donato Pica, interprete attento e autorevole dei bisogni e dei diritti della sua gente, dei suoi desideri e delle sue aspettative.
Per saper essere disinteressato senza mai essere indifferente, capace di chiedere solo per gli altri e mai per se stesso”
, e al vescovo monsignor Angelo Spinillo che, in quanto assente, ricever il riconoscimento (così espresso: “A monsignor Angelo Spinillo, grande anima di questa terra e simbolo del suo riscatto, coscienza e speranza di tutti noi.
Per ricordarci ogni giorno che in ogni uomo c’è un bisogno. E in ogni bisogno un uomo
”) con una apposita cerimonia.

Pica: “Ho fatto solo il mio dovere di rappresentante dei cittadini”

Un riconoscimento, quello a Pica, che ha toccato il sindaco e consigliere provinciale in profondità e che gli ha fatto dire, visibilmente commosso, che: Ho solo fatto il mio dovere di mediatore e rappresentante dei cittadini, accompagnando un processo di crescita economica che potesse rilanciare il protagonismo della nostra gente affinch rimanga legata anche fisicamente a questa terra. Il merito non mio - ha proseguito Pica - ma della Banca che ha saputo diventare parte di noi stessi.
Noi abbiamo solo collaborato convinti di operare nell’interesse della nostra collettività. Per quanto mi riguarda - ha concluso rivolgendosi al presidente Mordente e al direttore Albanese - da oggi sono più vicino e ancora più sostenitore della vostra Banca.

Paladino: “Hanno dimostrato come si gestisce un territorio”

Apprezzamenti all’azione della Bcc “Monte Pruno”, sono venuti anche da Angelo Paladino, assessore provinciale all’Ambiente, che ha portato in dote il progetto “Ageas” a compartecipazione europea, di creazione di un’Agenzia per l′Energia e l′Ambiente predisposto dalla Provincia, la quale Provincia - ha sottolineato Paladino - ha scelto di tirare in ballo la “Monte Pruno”, in un ennesimo riconoscimento all’azione e ai risultati di una Banca che ancora una volta, se non bastassero i numeri di stasera a dirlo, ha dimostrato come si gestisce un territorio.

Resciniti: “Grazie per quanto fate per questo territorio”

Dal canto suo, Aldo Resciniti, presidente dell’associazione culturale “Luigi Pica” ha ringraziato i vertici della Banca per avermi fatto entrare in questa grande famiglia e per quanto fate per questo territorio, prima di anticipare il programma 2003 dell’associazione.
Programma che ruota intorno alla imminente mostra dello scultore Pietro Costa, in cui saremo tramite, e alla ripubblicazione del libro di Monsignor Sacco, curato da Luigi Macchia.
Infine, in un omaggio personale al direttore Michele Albanese, Resciniti ha voluto ricordare il padre Alfiero e lo zio Michele, già presidente della Banca di Credito Cooperativo. Persone oneste, leali e umane. Proprio come te.

Pandolfo: “Gli altri pensano di operare, mentre voi operate prima di pensare”

Apprezzamenti sono arrivati anche da Corrado Pandolfo, presidente del Patto Territoriale “Vallo di Diano” ed ex presidente della Comunità montana che ha sede nella Certosa di Padula.
Grazie per questa vostra presenza che ci aiuta a crescere. Una Banca - ha tenuto a puntualizzare Pandolfo - che ci ha subito conquistati e che noi, di rimando, abbiamo immediatamente “adottata”.
Colpisce l′umiltà, la semplicità e la concretezza con cui questa azienda ha deciso di rapportarsi al territorio, ai suoi problemi e alle sue istanze. Un altro modo e un altro stile, ben diversi da quelli delle altre che “pensano di operare”, mentre questa vostra banca che sempre più Banca del Vallo di Diano, “opera ancor prima di pensare”. Ci piace così e perciò siamo orgogliosi di questa adozione.

Utile Lordo € 1.432.867 (+ € 477.201 rispetto al 2001)
Utile Netto di Esercizio € 572.244 (+ € 53.310 rispetto al 2001)
Raccolta Fiduciaria € 81.192.754 (+ € 15.331.855 rispetto al 2001)
Impieghi € 51.685.252 (+ 37,9% su base annua)
Patrimonio Aziendale € 8.622.306 (+ € 678.149 rispetto al 2001)

Accedi a In-Bank

login a In-Bank

newsletter

Iscriviti GRATIS alla newsletter Banca Monte Pruno e resta aggiornato su tutte le novità!

INFORMATIVA SINTETICA
ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (UE) 2016/679

I Suoi dati personali saranno trattati esclusivamente per l’invio, da parte del Titolare, di newsletter e comunicazioni commerciali al recapito da Lei fornito.

La base giuridica per l’invio di comunicazioni commerciali e della newsletter è il Suo consenso espresso, nel rispetto all’art. 6 paragrafo 1, lettera a) Regolamento (UE) 2016/679.

I Suoi dati personali saranno trattati fino a quando deciderà di revocare il Suo consenso od opporsi al trattamento.

Il Titolare La invita, inoltre, prima di conferire i Suoi dati personali, a visionare l’informativa completa sul trattamento dei Suoi dati personali, rilasciata nel rispetto dell’articolo 13 Regolamento (UE) 2016/679, accessibile al seguente link

PRESTO
il consenso
NEGO
il consenso
Link alla pagina:
http://www.bccmontepruno.it/rassegna-stampa.php?link=20030526135031it