:. home page :. News :. Rassegna Stampa :. Mordente: “Territorio più presidiato e soci più serviti e coinvolti: è così che ...

15 Luglio 2003

Mordente: “Territorio più presidiato e soci più serviti e coinvolti: è così che cresceremo ancora”

Il Corriere a Sud di Salerno
estratto da “Il Corriere a Sud di Salerno”, di Annalia D’Angelo

A colloquio con il presidente della Bcc “Monte Pruno” sul Piano Strategico Aziendale 2003-2005 appena approvato dal CdA

ROSCIGNO - Definita la linea strategica della Banca di Credito Cooperativo Monte Pruno di Roscigno per il prossimo triennio.
Il 13 giugno scorso il Consiglio di Amministrazione ha infatti approvato il “Piano strategico Aziendale 2003-200*” su quali siano stati i fattori di riferimento del Piano è lo stesso presidente della banca, Filippo Mordente, a riferire.
“Innanzitutto - comincia il dottore Mordente - la volontà di dare sempre maggiore evidenza e riconoscimento alla nostra Banca nell’ambito dei Comuni nei quali opera, in modo da far risaltare la sua funzione di Cooperativa di Credito, rinnovando e rafforzando il concetto di “localismo”, mediante la costruzione di legami sempre più stretti con la realtà socio-economica di competenza, in una visione dinamica di collaborazione con privati, enti ed associazioni, nel reciproco rispetto dei ruoli.
Quindi, il convincimento che la compagine sociale costituisce il soggetto fondamentale della Banca e occorre svilupparla nei Comuni di competenza, incrementando nel contempo il coinvolgimento dei soci stessi nelle attività e nel perseguimento degli obiettivi della Banca.
Infine, la consapevolezza e la responsabilità di operare al meglio nelle zone di insediamento, in qualità di soggetto promotore di sviluppo economico e sociale, secondo i dettami dello Statuto, per assicurare alla nostra Banca, in quanto azienda creditizia, una continuità ed una crescita in sintonia con i valori della cooperazione e della mutualità”.

Nel predisporre il “progetto” il Consiglio quali aspetti ha affrontato e valutato?

“Quelli istituzionali (principi e valori distintivi che ispirano il Credito Cooperativo); quelli commerciali (analisi del mercato di riferimento, della domanda e dell’offerta, dei prodotti, e degli strumenti); quelli creditizi (analisi di compatibilità tra obiettivi di efficacia allocativa, qualità attuale e prospettica dell’attivo consolidato e assetto a regime dei processi organizzativi sottostanti, in particolare, le fasi di erogazione e controllo del credito e di gestione del contenzioso);
gli aspetti patrimoniali-finanziari (verifica del grado di solidità statistica e dinamica della banca, attraverso la quantificazione delle risorse necessarie a sostenere la crescita dei volumi commerciali, al fine di mantenere livelli di liquidità equilibrati e compatibili coi processi di trasformazione delle scadenze);
quelli economici (individuazione di politiche in grado di incrociare obiettivi di redditività ed efficienza, al fine di cercare di diversificare le fonti di ricavo, contenere i costi, perseguire una crescita armonica dei volumi);
quelli organizzativi [valutazione delle risorse umane e tecnologiche, della rete vendita, per favorire la crescente automazione delle attività amministrative e di back office e potenziare il front-line, previsione di un adeguato sistema di deleghe controllato e controllabile, ricorso all’outsourcing per determinate funzioni (internal audit, alcune attività di servizio di tesorerie, ecc,)].

Presidente, quale politica intendere portare avanti nei prossimi anni la banca da Lei presieduta?

“Consapevole del ruolo che una banca locale deve svolgere, nel triennio 2003/2005 il CdA attuerà una politica tesa a realizzare: il rafforzamento della propria azione per il raggiungimento degli scopi sociali, provvedendo a incidere sia sugli aspetti della Banca che su quelli della “Cooperativa” nel rispetto degli scopi della società; un modello organizzativo snello che consenta maggiori sinergie operative e che sia in grado di assicurare una adeguata copertura di quelle posizioni di lavoro che risultano essere necessarie (controlli interni, organizzazione e gestione risorse umane, ecc,);
il potenziamento della rete vendita procedendo ad inoltrare, entro il 31.12.2003, richiesta alla Banca d’Italia di autorizzazione per l′apertura di una nuova filiale, a rendere più efficienti e competitivi gli sportelli di Teggiano e Sant’Arsenio, a presidiare meglio il territorio attraverso l′insediamento di atm bancomat in comuni ritenuti interessanti. Inoltre amplieremo la base sociale, coinvolgendo le piazze di competenza dove minore risulta essere la presenza di soci; consolideremo ed acquisiremo maggiori quote di mercato attraverso azioni volte ad intensificare i rapporti con la clientela tradizionale, nonché ad estendere l′impegno strategico verso nuovi segmenti potenziali di clientela e amplieremo la gamma dei prodotti e servizi da offrire alla clientela già acquisita e potenziale, grazie anche all’apporto determinante delle strutture del Movimento del Credito Cooperativo.

Saranno ampliati certamente i servizi bancari offerti tramite canali virtuali come Internet e trading on line”.

E per i soci?

“Intanto, amplieremo la base sociale di almeno 200 unità in modo da avere, a fine triennio, gli 800 soci. Per quanto riguarda gli obiettivi, vanno rimarcati quelli di operare prevalentemente “a favore” dei Soci, di “servire” ognuno di loro e di coinvolgerli nella vita dell’impresa e nell’assunzione delle decisioni fondamentali che li riguardano”.

Ultima domanda: quali risultati contate di raggiungere alla fine del 2005?

“Quelli di superare i 12 milioni di € di Patrimonio, i 100 milioni di € di raccolta diretta e i 10 milioni di € di raccolta indiretta. Quindi, andare oltre i 73 milioni di € di impieghi e contenere le sofferenze al di sotto di 2 milioni di €”.p>

Accedi a In-Bank

login a In-Bank

newsletter

Iscriviti GRATIS alla newsletter Banca Monte Pruno e resta aggiornato su tutte le novità!

INFORMATIVA SINTETICA
ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (UE) 2016/679

I Suoi dati personali saranno trattati esclusivamente per l’invio, da parte del Titolare, di newsletter e comunicazioni commerciali al recapito da Lei fornito.

La base giuridica per l’invio di comunicazioni commerciali e della newsletter è il Suo consenso espresso, nel rispetto all’art. 6 paragrafo 1, lettera a) Regolamento (UE) 2016/679.

I Suoi dati personali saranno trattati fino a quando deciderà di revocare il Suo consenso od opporsi al trattamento.

Il Titolare La invita, inoltre, prima di conferire i Suoi dati personali, a visionare l’informativa completa sul trattamento dei Suoi dati personali, rilasciata nel rispetto dell’articolo 13 Regolamento (UE) 2016/679, accessibile al seguente link

PRESTO
il consenso
NEGO
il consenso
Link alla pagina:
http://www.bccmontepruno.it/rassegna-stampa.php?link=20030715202914it